le 5 regole del social marketing

Oggigiorno sono moltissimi i brand che entrano nel mondo del social marketing, allo stesso tempo si moltiplicano le figure professionali (o almeno professionisti dovrebbero essere) che si cimentano nel ruolo di “community media manager”, e si propongono di gestire, in autonomia, le loro pagine social.

Parto subito con il dire che:
NON ESISTE UNA STRATEGIE DI MARKETING CHE VADA BENE PER OGNI BRAND, OGNI AZIENDA, OGNI PROFESSIONISTA.
Chiarito ciò, che è fondamentale in quanto ci fa comprendere che occorre creare una strategia diversa per ogni brand gestito, in relazione a specifici obiettivi da raggiungere, vi riporto 5 regole che a mio avviso ogni “social media manager” dovrebbe conoscere.

1) Comprendi le necessità del tuo target di riferimento.
Individua il tuo target, poi cerca di capire il motivo per cui si trova sui social, cosa cerca, quali sono i suoi gusti e i suoi interessi. Solo dopo potrai costruire una strategia vincente.

2) Pochi ma buoni.
A meno che non ci siano motivi più che validi, avere pagine con 10000 follower passivi (ossia che non leggono, non condividono ecc) non serve a nulla. Molto meglio sarebbe puntare ad avere un numero di follower adeguato alle proprie necessità ma attivi, in grado di interagire sulle pagine.
Comprare pacchetti di follower è stupido ed inutile.

3) Lavora solo sul tuo target di riferimento
Non è possibile convincere qualcuno a comprare qualcosa, se quel qualcuno non è minimamente interessato alla nostra offerta, e probabilmente non vorrebbe il nostro prodotto/servizio nemmeno se regalato.
Occorre individuare il target giusto, le persone che potrebbero essere interessate alla nostra offerta, poi concentrarci su queste.

4) Crea contenuti di qualità
Non cercare sempre e solo di vendere qualcosa, gli utenti non si iscrivono su Facebook o su Instagram per fare acquisti, per quello ci sono altri portali web.
Crea post informativi su un determinato argomento, attinente al brand che stai gestendo, loro apprezzeranno, condivideranno, e porteranno altri follower.

5) Valorizza l’aspetto umano
Il marketing 2.0 ha cambiato i rapporti tra brand e consumatori, entrambi sono “quasi” sullo stesso livello. Devi sempre cercare un dialogo con loro, un approccio cordiale e collaborativo. Mai porsi ad un livello nettamente superiore.

Mario Contino

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *